H O M E P A G E

"Obbiettivo Sahrawi"

Calendario 2010

Il calendario è stato realizzato con l'intento di raccogliere fondi per riattivare l'arena cinematografica e per completare il laboratorio di fotografia digitale; entrambi situati nel campo di El Ayoun.
La realizzazione di questi due progetti rientra nell'ambito delle nuove forme di cooperazione che l'Arcs, negli ultimi anni, sta cercando di portare avanti con il popolo Sahrawi, promuovendo "progetti di formazione" rivolti soprattutto ai giovani e destinati alla conoscenza e alla crescita nei settori delle arti visuali e della musica. Dalla volontà di realizzare un luogo di aggregazione e di far conoscere una forma di arte visuale ignota alla gran parte dei Sahrawi che vivono nella regione di Tindouf, nel 2004 è nata l'idea progettuale di costruire, nella zona adiacente al centro culturale della Wilaya di El Ayoun, un'arena cinematografica rivolta a tutta la popolazione.
L'arena, finanziata dall'Arci e dalla provincia di Roma, è stata realizzata nell'estate del 2005 ed è dedicata alla memoria di Tom Benetollo e Otello Urso. Il successo di questo "cinema nel deserto" è stato immediato: un grande schermo diventato la finestra sul mondo per centinaia di sahrawi, giovani e adulti. A seguito di violenti temporali e all'usura inevitabilmente prodotta dalle difficili condizioni ambientali, il muro che fungeva da schermo si è deteriorato in maniera definitiva e il progetto si è purtroppo interrotto.
Vista l'importanza che riveste per la popolazione saharawi, l'Unione Circoli Cinematografici Arci ha deciso di destinare un contributo significativo per rimettere in piedi l'arena cinematografica. L'altro progetto, legato alla fotografia e denominato "Deserto Rosa", è nato da una collaborazione tra il fotografo Giulio Di Meo e l'Arcs, ed è stato avviato nell'Aprile 2009. Questo progetto prevedeva non solo la fornitura dell'attrezzatura utile a realizzare un laboratorio di stampa all'interno del centro di cultura Olof Palme, nella wilaya di El Ayoun, ma anche un breve corso rivolto ad un gruppo di donne degli accampamenti. L'intento era duplice: quello di dare ad un gruppo di ragazze sahrawi uno strumento per raccontare e denunciare le difficili realtà di vita nei campi profughi e nello stesso tempo dare la possibilità agli abitanti della wilaya di stampare le foto formato-tessera necessarie per i loro documenti, evitando di percorrere chilometri di deserto.
Nei villaggi non ci sono infatti studi fotografici e l'unica soluzione rimane quella di recarsi nella città più vicina (il tempo necessario può variare da una a tre ore). Ciò comporta costi tali (taxi, stampa delle foto) che anche una banale fotografia rappresenta un problema diventando quasi un miraggio irraggiungibile. I fondi raccolti con la vendita del calendario saranno utilizzati per il completamento dei due progetti.
Questo è il nostro intento, questo è il nostro "Obiettivo Sahrawi".

Per info: roversi@arci.it - info@giuliodimeo.it e gli ottimi siti www.arciculturaesviluppo.it e www.giuliodimeo.it


V i a g g i | K u r d i s t a n | F o t o I t a l i a | P r o v e r b i | R a c c o n t i
C i n e m a & v i a g g i | L i n k s | F i d e n z a & S a l s o | P o e s i e v i a g g i a n t i
B a n c o n o t e | M u r a l e s & G r a f f i t i | L i b r i O n l i n e | P r e s e n t a z i o n e
H O M E P A G E

scrivi


Creative Commons License
Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons
1998 - 2018 Marco Cavallini


ultimo aggiornamento 28/10/2017