H O M E P A G E

Viaggio a Capoverde

Bar a Espargo
Bar a Espargos
Mindelo
Mindelo
Lungomare di Mindelo
Lungomare di Mindelo
vita a Mindelo
vita a Mindelo
mercato di Mindelo
mercato di Mindelo
mercato di Mindelo
mercato
mercato di Mindelo
mercato
bambini
bambini
porto di Mindelo
porto di Mindelo
Santa Maria
Santa Maria
Santa Maria
Santa Maria
Santa Maria
barche a Santa Maria
birra
birra
murale
murale
pubblicità
pubblicità
casa a Santa Maria
casa a Santa Maria
barca
imbarcazione
mare
mare
mare
mare
saliera
Sal
barca
imbarcazione
mare
panorama alle saliere
panorama
panorama
mare
Ciao!

Cliccka sulle immagini per ingrandirle!!

Immagini in sequenza

Premetto che ci sono stato solo una settimana, ho trovato un last-minute, e ho girato soltanto due isole ottenendone sicuramente la voglia di tornarci, perchè vorrei girare anche le altre, sebbene con una settimana e basta si è quasi obbligati a fare trasferimenti aerei ed i costi sono abbastanza alti. La prima cosa che si nota è l'estrema differenza tra le isole paesaggisticamente e addirittura tra gli abitanti. Se Sal è molto turistica, tanto da essere divisa in zona-villaggi e paese vero e proprio, con abitanti nativi ma anche molti europei invece Mindelo è già Africa vera e propria con un sacco d'immigrazione dalla Liberia e dalla Guinea.

Effettivamente mi ha lasciato un po' perplesso che tanta gente scelga di farci una settimana di mare nei villaggi turistici (sono tantissimi, n.d.r.!) perchè il mare è sempre mosso e spesso freddo, quindi è sicuramente la manna per i surfisti ma chi vuole farsi una classica settimana di mare ha sicuramente molte alternative più interessanti. Io ho girato i primi giorni, stando subito ad Espargos e poi a Mindelo, dove tra l'altro ho visto i preparativi per il Carnevale che dev'essere decisamente interessante e abbastanza brasileiro, quindi sempre in mezzo alla gente mentre gli ultimi tre giorni li ho fatti a Santa Maria e di primo acchito mi sembrava di essere tornato in Europa, o meglio in Lombardia! :-)
Avevo bisogni di farmi tre giorni senza pensare a niente e in spiaggia non mi ha disturbato nessuno tanto che mi sono letto ben quattro libri, però sono anche riuscito ad inserirmi nella reale vita del posto mangiando sempre con i senegalesi del mercato artigianale e passando tutte le serate ad ascoltare della morna eccezionale (anzi io la chiamo morna ma là suddividono la loro musica ulteriormente e quella di Sal ha un nome che non ricordo). Secondo me con tre settimane di tempo, chi non soffre di mal di mare può fare un ottimo giro di più isole e sono convinto che sarebbe un viaggio eccezionale.

Per quanto riguarda i confronti tra paesi, io faccio sempre molta fatica a definire un posto più bello di un altro perchè da tutti i posti che sono tornato ho portato a casa ricordi bellissimi e vi ho sempre lasciato un pezzo di cuore (fatta eccezione per il Madagascar dove ce n'è rimasto un pezzo così grande che prima o poi devo andarlo a cercare!!), è però indubbio che è un posto molto particolare e già il fatto che siano isole le rende uniche, se si vuole cercare un paragone "balneare" sarebbe secondo me più lecito farlo con le spiagge del Marocco, ad esempio quelle vicino a Sidi Ifni che ultimamente stanno cominciando ad avere un certo successo, e che anch'esse sono collocate in un paesaggio desertico (ancora non ho visto Senegal - Costa d'Avorio - Ghana e buona parte di Africa centrale). Certo Sal e immagino anche Boavista sono ormai abitate da tantissimi europei e l'enorme turismo le ha ormai omologate ma le altre isole mi sembrano decisamente interessanti anche per le tradizioni e per la vita. La musica è bellissima, e non è soltanto Cesaria Evora ... che già non è poco!! :-))


V i a g g i | K u r d i s t a n | F o t o I t a l i a | P r o v e r b i | R a c c o n t i
C i n e m a & v i a g g i | L i n k s | F i d e n z a & S a l s o | P o e s i e v i a g g i a n t i
B a n c o n o t e | M u r a l e s & G r a f f i t i | L i b r i O n l i n e | P r e s e n t a z i o n e
H O M E P A G E

scrivi


Creative Commons License
Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons
1998 - 2017 Marco Cavallini


ultimo aggiornamento 02/11/2016