H O M E P A G E

Nella città dei morti

Ragazzi seduti
Su una stuoia
Recitano
Versetti del Corano.
Scendo dal bus
Come un egiziano,
entro nel vicolo
avvolto nella polvere;
mi spoglio
delle mie vesti
e mi sento
caldamente arabo.
Attraverso le tombe
Tra gli sguardi profondi
Dei mercanti,
veli di donna
coprono volti
all'improvviso.
Affondo ansie
E insicurezze
Nei colori
Del mercato,
nel giallo vivo
dello zafferano,
nel lampadario blu
di un’immensa stanza
dove all’improvviso
mi scopro
stupito.
Dimentico il tempo
E la paura,
Nella città dei morti
Un velo di fascino
M’avvolge
Come un fantasma.

Il Cairo,Egitto Giugno 1992
Agostino Falconetti

INDIETRO !    Le Poesie di Agostino    AVANTI !


V i a g g i | K u r d i s t a n | F o t o I t a l i a | P r o v e r b i | R a c c o n t i
C i n e m a & v i a g g i | L i n k s | F i d e n z a & S a l s o | P o e s i e v i a g g i a n t i
B a n c o n o t e | M u r a l e s & G r a f f i t i | L i b r i O n l i n e | P r e s e n t a z i o n e
H O M E P A G E

scrivi


Creative Commons License
Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons
1998 - 2018 Marco Cavallini


ultimo aggiornamento 26/10/2017