H O M E P A G E

Alla scoperta di Lanzarote

L'isola di Cesar Manrique

di Mattia Sandrini e Denise Da Pozzo

Lanzarote è l’isola più nord-orientale dell’arcipelago spagnolo delle Canarie e, in poco più di due settimane, abbiamo esplorato il suo territorio “marziano” percorrendo ben 1700 km e dedicando una giornata alla splendida Isla Graciosa. Come abitudine abbiamo tendenzialmente tralasciato le località più turistiche e famose, concentrandoci sugli itinerari più selvaggi e meno frequentati. La guida è suddivisa in aree geografiche in modo che sia più facile la visita di ogni zona in uno o più giorni.

Per poter esplorare l’isola è indispensabile il noleggio di un’automobile. Noi, dopo aver consultato le offerte di vari operatori, abbiamo scelto la soluzione di Payless (www.payless.es) che offre i prezzi migliori. Terminato il viaggio e viste le strade percorse consigliamo di optare per una soluzione “4x4 leggera” che senz’altro permette di affrontare meglio le numerosissime strade sterrate, anche se risulta leggermente più costosa. Considerate che la benzina costa solo 1,10 euro al litro (estate 2014). Se avete intenzione di fare trekking o anche semplici escursioni sui vulcani consigliamo scarpe tipo pedule da montagna alte perché i sentieri sono sconnessi e formati da grosse pietre vulcaniche oppure da cenere vulcanica tipo ghiaia che si infila facilmente in scarpe basse e sandali. Il meteo è veramente molto variabile e con variazioni termiche da non sottovalutare; i venti provenienti prevalentemente da NW fanno si che le coste occidentali siano spesso più nuvolose e che la nebbia si formi sulle alture da Caleta de Famara fino a nord dell’isola. Per questo motivo una giacca a vento leggera è molto utile soprattutto in vetta ai vulcani.

Per quanto riguarda la spesa alimentare, le pescherie sono rare e aperte solo al mattino mentre nei mercati si può acquistare buona frutta e verdura da coltivazioni biologiche oltre all'onnipresente formaggio di capra fresco ottimo in ogni occasione; inoltre un po' ovunque si trovano supermercati dove non manca nulla. Nei paesi, specialmente all’interno, non è così scontato trovare locali aperti per cena, anzi abbastanza raro e in ogni caso l’orario di apertura si aggira tra le 19,00 e le 20,00. Questo non si applica nelle località turistiche della costa meridionale. La connessione a internet è veramente difficoltosa, almeno a nord e nelle zone interne, e le free WiFi spesso o sono lentissime o ti rimandano a siti di abbonamento a pagamento. Noi ci siamo appoggiati a quelle legate a siti pubblici come il Municipio e la Biblioteca di Haria. Non amando le soluzioni tipo villaggio turistico, per la nostra permanenza ci siamo affidati alle soluzioni proposte da Homelidays e dobbiamo dire che non avremmo potuto trovare soluzione migliore.

La nostra scelta è stata uno chalet tra Tabayesco e Arrieta nel nord dell’isola (www.homelidays.it/casa-vacanze/p6361333) con bagno privato, giardino e vista mare nel silenzio più assoluto. I propietari, Paco e Graziella, sono due persone veramente speciali e ci hanno fornito ogni tipo di informazione e consiglio di cui abbiamo avuto bisogno. Appena arrivati ci hanno mostrato orgogliosi il loro giardino dove con molta fatica riescono a strappare a questa terra, povera di acqua, banane, manghi, fichi, piccoli pomodori oltre ad alberelli e numerosi cactus. Dalle poche indicazioni sull'uso della casa abbiamo scoperto subito la loro anima ambientalista: grande rispetto per la natura e uso oculato delle risorse. L'acqua dei sanitari viene riutilizzata a fini agricoli ed è scaldata tramite un sistema di pannelli solari. Grazie di cuore a entrambi.

Ci accorgeremo presto che tutta l'isola presta grande attenzione all'ambiente e al suo rispetto e il fatto che sia stata dichiarata nel 1993 Riserva della Biosfera dall'Unesco si nota in ogni progetto, dall’aeroporto, ai siti legati a Cesar Manrique, alle aziende agricole dove ogni dettaglio è volto alla sostenibilità energetica e al rispetto ambientale.

La Guida su Lanzarote è acquistabile su Itunes.

TORNA A "LIBRI ONLINE"


V i a g g i | K u r d i s t a n | F o t o I t a l i a | P r o v e r b i | R a c c o n t i
C i n e m a & v i a g g i | L i n k s | F i d e n z a & S a l s o | P o e s i e v i a g g i a n t i
B a n c o n o t e | M u r a l e s & G r a f f i t i | L i b r i O n l i n e | P r e s e n t a z i o n e
H O M E P A G E

English HomePage

scrivi


Creative Commons License
Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons
1998 - 2017 Marco Cavallini


ultimo aggiornamento 26/12/2016