H O M E P A G E

Viaggio in Polonia

Galleria d'immagini (cliccka per entrare!)

Itinerario
mer.26 maggio: Bergamo - Katovice - Cracovia
gio.27 maggio: Cracovia
ven.28 maggio: Cracovia - Oswiecim (Auschwitz/Birkenau) - Cracovia
sab.29 maggio: Cracovia - Cszestochowa - Cracovia
dom.30 maggio: Cracovia - Wieliczka - Cracovia
lun.31 maggio: Cracovia - Wroclaw
mar.1 giugno: Wroclaw - Torun
mer.2 giugno: Torun - Malbork - Gdansk (Danzica)
gio.3 giugno: Gdansk - Gdinya Oliwa - Gdansk
ven.4 giugno: Gdansk - Leba - Slowinsky National Park - Gdansk
sab.5 giugno: Gdansk - Sopot - Gdynia - Gdansk
dom.6 giugno: Gdansk - Varsavia
lun.7 giugno: Varsavia - Lublino - Kazimierz Dolny - Lublino
mar.8 giugno: Lublino - Zamosc
mer.9 giugno: Zamosc - Cracovia
gio.10 giugno: Cracovia (Corpus Christi)
ven.11 giugno: Cracovia - Bergamo

Era tempo che volevo visitare la Polonia, ed è stata ugualmente una gran sorpresa in positivo sia per le cose che si possono vedere (io ho anche tralasciato alcuni parchi , la zona dei laghi nonchè i monti Tatra per ragioni di tempo) sia soprattutto per la gran disponibilità e cortesia della gente. Non è ancora molto battuta dal turismo, fatta eccezione per un notevole turismo interno soprattutto da parte di scolaresche ... quante ne ho incontrate nelle città d'arte e nello stupendo Slowinsky National Park. Per andarci ho approfittato di una compagnia aerea low-cost, ho fatto tappa nella stupenda Cracovia da cui si possono compiere escursioni di vario genere: dall'angosciante Aushwitz e il non meno sconvolgente Birkenau, alla fede dei pellegrini al santuario di Cszestochowa senza dimenticarsi una discesa nelle impressinanti miniere di sale di Wielicszka.

Come ho trovato Cszestochowa? Io l'ho trovata molto più vera, o meglio molto meno luogo di business rispetto ad altri famosi luoghi di pellegrinaggio come ad esempio Fatima. Qui c'era sì qualche bancarella ma niente in confronto ad altri posti, mentre invece ho trovato un sacco di pellegrini interessati realmente alla fede, oltre ad una marea di bambini perchè si trattava di un giorno particolare .... poi il santuario è veramente molto bello.

Arraggiandosi con l'inglese mi sono servito delle ferrovie polacche, ai livelli di quelle italiane per i mezzi ma decisamento a livello svizzero per quanto riguarda gli orari, per spostarmi verso Nord e passando per la prussiana Wroclaw, Torun e il mastodontico castello di Malbork, il più grande castello gotico dell'Europa, sono arrivato a Danzica (Gdansk) straordinaria e vitalissima città vicino al MarBaltico. Qui la sorpresa è stato lo Slowinsky National Park, un favoloso parco a circa due ore da Danzica, dove dopo aver attraversato uno stupendo bosco si arriva al freddo mar Baltico e si rimane senza parole alla vista di enormi dune bianche mobili che piano stanno ricoprendo la foresta.

I prezzi per un viaggio di questo tipo sono bassissimi, si mangia con pochi zloty e ben si capisce dopo l'esperienza italiana la paura dei giovani polacchi nel futuro con l'Euro. Ho fatto anche qualche spostamento in bus e in due/tre occasioni ho utilizzato delle specie di "collectivos", piccoli pulmini privati che partono quando si riempiono, circa ogni mezzora, per esempio da Leba a Lebork (zona Mar Baltico) e da Kazimierz Dolny a Lublino. In tutte le città spiccano in centro bancarelle di fiori e di fragole, nonché altri prodotti dell'agricoltura.
Mi sono arrangiato per lo più con l'inglese, diciamo che la situazione è molto simile a quella che trova uno straniero che viene in Italia ... lo parlano quelli che lavorano con il turismo e i giovani, con gli over 35 è difficile comunicare se non in tedesco ma mi è capitato un anziano che parlava correttamente l'italiano e con cui ho passato un'ottima serata in un caffè a Cracovia nonchè un ferroviere che parlava in francese e mi ha praticamente illustrato tutte le cose da vedere nei dintorni di Gdansk (Danzica, n.d.r.), per non dimenticare la fantastica Luiza, conosciuta in internet, che mi ha accompagnato, con il suo piccolo fantastico Iacopo, per il centro storico di Varsavia e soprattutto mi ha permesso di assistere ad un favoloso concerto di piano nel parco dedicato a Chopin. Riguardo alla semplicità e disponibilità basti pensare che in diverse occasioni per strada ho chiesto informazioni, e la persona interrogata non sapendo rispondermi in inglese mi ha sempre accompagnato a destinazione.
Un buon consiglio è di prendere appunti dai menu in doppia lingua in modo da conoscere le parole "fondamentali" per ordinare da mangiare!! :-))

L'arrivo a Varsavia, con il suo centro storico completamente ricostruito sulle macerie della città devastata dai nazisti, regala subito la visuale dell'immendo Palazzo della Cultura, il "regalo" di Stalin ai polacchi! Prima del rientro a Cracovia non può mancare, una volta visitata la città universitaria di Lublino, la sosta a due piccole gemme: Kazimierz Dolny e lo stupendo paese di Zamosc, rinascimentale che deve molto alla famiglia Sforza. L'incontro con la religione in Polonia è frequentissimo, colpisce come le chiese siano sempre frequentatissime di giovani, ovviamente l'immagine del Papa si presenta spesso, ma è importante assistere anche alle processioni, come quella del Corpus Christi cui ho assistito a Cracovia sotto la pioggia.

Un viaggio molto semplice da organizzare e decisamente a buon mercato: in definitiva una gran bella esperienza che suggerisco a tutti!!!


Qualche sito interessante:
Cracow Life
StayPoland
PolTravel

La mia classifica delle birre polacche:

  1. Tyskie
  2. Zywiec
  3. Owocim
  4. Lech

V i a g g i | K u r d i s t a n | F o t o I t a l i a | P r o v e r b i | R a c c o n t i
C i n e m a & v i a g g i | L i n k s | F i d e n z a & S a l s o | P o e s i e v i a g g i a n t i
B a n c o n o t e | M u r a l e s & G r a f f i t i | L i b r i O n l i n e | P r e s e n t a z i o n e
H O M E P A G E

english
english text

scrivi


Creative Commons License
Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons
1998 - 2017 Marco Cavallini


ultimo aggiornamento 27/12/2016