H O M E P A G E

Sensazioni vietnamite

Il 2004 è iniziato su una barca ad Halong Bay. Niente fuochi di artificio o champagne.
Una barca dove abbiamo dormito, una decina di persone compresi i tre vietnamiti, una baia protetta da rocce, la luce di mezza luna, le luci delle barche dei pescatori e qualche Tiger beer. A mezzanotte e mezza o l'una ero già a dormire.

Il mio breve viaggio è terminato con Hue ed Hoi An verso il sud del vietnam: due angoli di storia, di arte e di bei tramonti sull'acqua bevendo un "ca phe sao".

Huè altezzosa con le sue donne in tuniche bianche che in bici vanno negli uffici.

Hoi an, più semplice, è una deliziosa cittadina di pescatori di antiche origini cinesi, un continuo andirivieni di barche in un inesorabile movimento organizzato che inizia alle 6 di mattina (o forse anche prima, ma prima delle 6 non ce l'ho proprio fatta ad essere al porto) e di biciclette colme di cesti di fiori e frutta verso il mercato. Il mio primo caffè della mattina ai tavolini rossi di plastica più bassi di me e qualche pseudo chiacchera con qualche vietnamita che se la prende con comodo come me. Hoi an ha un fascino tutto suo, raccoglie l'essenza del Vietnam: la luce, l'acqua, lo stile delle case, il portamento delle donne, gli odori ed anche il rumore di qualche motoretta di troppo, antichi mosaici sui tetti delle pagode, risaie quasi nel centro della cittadina e buoi che trainano l'aratro. Legno scuro e lanterne rosse per i ristorantini sull'acqua e nelle stradine della seta di Hoi An.

6 gennaio 2004

Alessia

V i a g g i | K u r d i s t a n | F o t o I t a l i a | P r o v e r b i | R a c c o n t i
C i n e m a & v i a g g i | L i n k s | F i d e n z a & S a l s o | P o e s i e v i a g g i a n t i
B a n c o n o t e | M u r a l e s & G r a f f i t i | L i b r i O n l i n e | P r e s e n t a z i o n e
H O M E P A G E

scrivi


Creative Commons License
Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons
1998 - 2017 Marco Cavallini


last updated 26/12/2016